Perché il bitcoin è arrivato a valere 260 euro?

Questa è la domanda da farsi di fronte alla crescita quasi verticale del valore del bitcoin negli ultimi giorni. Perché?

L'ascesa del valore dei bitcoin negli ultimi 5 giorni.
L’ascesa del valore dei bitcoin negli ultimi 5 giorni.

Premessa: di fronte ai bitcoin ci si può porre in diversi modi, tutti legittimi.

Il fanboy.

Per intenderci, io faccio parte di questa categoria. Il fanboy è convinto dell’intrinseca bontà del progetto bitcoin e tende a vederne solamente i lati positivi. Minimizza o ignora del tutto quelli negativi, che potrebbero inficiarne l’immagine o dare adito a qualche dubbio. E’ un folle? Un po’. Ma non significa che abbia torto.

Lo speculatore.

Sale e scende dal treno del bitcoin incurante degli ideali che lo animano, cerca solo di guadagnarci e spesso ci riesce. Spesso invece ci perde e rosica. E’ un folle? Sì, e magari pensa di essere il più razionale tra tutti.

Il detrattore disinformato.

“Ahahah, mi fate ridere voi con le vostre monete finte, godetevi la pacchia finché vanno di moda o qualche hacker trova il modo di crearne un sacco dal nulla, perché allora il valore crollerà e vi ritroverete con un pugno di mosche!”. Classico anatema di qualcuno che non ha la più pallida idea di cosa sia un bitcoin, ma preferisce smontarti subito, piuttosto che aspettare di tornare a casa e leggersi due righe sull’argomento. E’ un folle? Un po’. Ma potrebbe non avere tutti i torti.

Il critico informato.

“Il valore del bitcoin è basato sul mercato, quindi finché la gente ne compra a secchi, aumenta, se e quando non ne vorrà più, diminuirà. Al momento molta gente lo vuole, perché ha delle caratteristiche interessanti ed è una manna per gli speculatori, in futuro potrebbe essere reso illegale dai governi o essere sostituito da un’altra tecnologia e quindi perdere ogni valore”. Discorso equilibrato vero? Sono sempre io in realtà, nei rari momenti di schizofrenia che mi sottraggono ad un’esistenza da fanboy. Sono un folle? Probabile.

Tutta questa premessa era necessaria: a) per farvi capire che non dovete assolutamente farvi dare consigli di investimento da un folle su internet; b) introdurre la risposta al “perché” di inizio articolo, che è la seguente:

Il bitcoin è una figata pazzesca. Davvero.

Voglio dire, quale altra riserva di valore/bene rifugio/asset/mezzo di pagamento è comparabile con i bitcoin? Il dollaro? Sì è legittimato dai potenti Stati Uniti (che meno di un mese fa stavano per dichiarare bancarotta), ma i dollari possono essere falsificati, distrutti, perdono il proprio valore nel tempo a causa dell’inflazione, la Cina non li sopporta. L’oro? Sì, luccica, è riconosciuto ovunque come metallo prezioso, non si corrode nel tempo e non può essere attaccato dai normali acidi, ma pesa (in grandi quantità), può essere confiscato ed occupa uno spazio fisico. Le azioni di twitter? Beh, quella non era una cattiva idea dopotutto, ma bisogna sempre passare per la brutta e cattiva Wall Street.

I bitcoin (al momento) sono indistruttibili, limitati (oggi sono 12 milioni, quando saranno stati “minati” tutti saranno 21 milioni), slegati dalle vicende di governi, banche, economie locali, non-confiscabili, anonimi (o quasi), inviabili in ogni parte del mondo con un click, in maniera quasi immediata e con costi nulli o risibili, facilmente trasportabili.

Sono quindi al riparo da ogni problema? No. Il sistema bitcoin non è il Verbo, per quanto fatto bene e controllato (e controllabile) da chiunque lo desideri, potrebbe presentare in futuro problemi ad oggi imperscrutabili. Potrebbe diventare obsoleto, in favore di altre crittovalute (ebbene sì, ce ne sono molte altre ed alcune tecnicamente migliori del bitcoin). Potrebbe non incontrare il favore di chi non è abituato ad utilizzare pc e smartphone. Potrebbe essere dichiarato illegale. E via così.

Insomma, per come la vedo io, il valore del bitcoin sale perché se lo merita e non può che fare altrimenti, ma se domani non valesse più nulla non mi stupirei più di tanto. D’altra parte la mia è l’opinione di un fanboy schizofrenico, quindi se vuoi farti un’idea informati e decidi in quale categoria vuoi inserirti rispetto al bitcoin. Purtroppo se ti consideri perfettamente sano di mente non sei contemplato, ma in quel caso hai sicuramente questioni più importanti dei bitcoin di cui preoccuparti.

Autore: Leonardo Brentegani

2 pensieri su “Perché il bitcoin è arrivato a valere 260 euro?

    1. Parlando di bitcoin vale tutto, diffido di chi non cambia mai idea. 😉 Grazie mille, farò il possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *