Opinioni su Bitcoin

I “Venture capitalists” si muovono: sempre più soldi per startup riguardanti Bitcoin e criptovalute.

Gli investitori che amano il rischio (ma anche grandi ritorni economici) scelgono sempre di più startup legate al Bitcoin, un forte segnale che la valuta digitale è sulla buona strada per diventare la forza più innovativa (e remunerativa) dopo Internet.

Secondo una pagina costantemente aggiornata di CoinDesk, gli investimenti fatti dai venture capitalists in startup collegate al Bitcoin nel solo mese di maggio ammontano a 56 milioni di dollari, molto vicino come cifra ai 57,24 milioni investiti nei primi 4 mesi del 2014. Giusto lunedì scorso la startup BitGo che si occupa di sicurezza e wallet per Bitcoin ha annunciato di aver raccolto un finanziamento di 12 milioni di dollari da parte di Redpoint Ventures. In tutto gli investimenti fatti da venture capitalists nel settore del Bitcoin ammontano a circa 126 milioni di dollari nel solo 2014. Di questo passo per la fine dell’anno la cifra investita supererà i 250 milioni di dollari.

Qualcuno potrebbe dire che 250 milioni di dollari siano insignificanti a fronte di un investimento totale di 29,4 miliardi di dollari dello scorso anno da parte dei venture capitalists. Ma leggiamo il dato da un’altra prospettiva: 250 milioni di dollari sarebbe circa 3 volte l’investimento fatto in attività legate al Bitcoin dai venture capitalists nel 2013. “Siamo ancora agli albori dell’industria del Bitcoin. Se la si compara all’industria di Internet è come se fossimo nel 1995 o ’96 ed al momento è solo questione di migliorare l’infrastruttura.” ha commentato Pamir Gelenbe, di Hummingbird Ventures, a MarketWatch.

In effetti, 250 milioni di dollari è circa uguale al totale degli investimenti fatti in startup legate ad Internet nel 1995. Questo è un punto che Marc Andreessen, uno dei co-fondatori della ditta di Venture capital Andreessen Horowitz, ha sollevato spesso. La sua ditta ha già investito 50 milioni di dollari in startup collegate al Bitcoin ed intende investirne altre “centinaia di milioni”.

“Nel 1994, in qualità di venture capitalist, sarebbe stata una buona idea prendere Internet sul serio ed investire in una selezione di compagnie collegate ad Internet […] chi lo ha fatto ci ha guadagnato parecchio” ha detto Andreessen in un meeting sul Bitcoin a marzo.

Ovviamente c’è ancora chi pensa che il Bitcoin fallirà, o che sia addirittura una truffa, ma l’istogramma di seguito parla chiaro: i venture capitalists stanno sempre più rapidamente buttando benzina sul fuoco del Bitcoin. 

fonte: moneymorning.com
fonte: moneymorning.com

Un pensiero su “I “Venture capitalists” si muovono: sempre più soldi per startup riguardanti Bitcoin e criptovalute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *