Bitcoin è il miglior asset della scorsa decade secondo Merrill Lynch

Da tempo gli investitori hanno opinioni molto diverse riguardo Bitcoin, in particolare sul fatto che la criptovaluta regina possa essere considerata un asset a tutti gli effetti.

Tuttavia tutte queste opinioni non contano nella valutazione dei risultati dei migliori e peggiori asset della decade che sta per finire, stilata da Bank of America Merrill Lynch (BAML), conosciuta anche come BofA Securities.

Condivisa su Twitter dal presentatore della CNBC Carl Quintanilla, essa mostra che gli analisti della banca americana d’investimenti hanno ritenuto Bitcoin come l’asset dalle performance migliori degli ultimi dieci anni.

BAML has a list of best/worst asset classes of the decade:

* Best: Bitcoin $1 in 2010 = $90,026 today

* Worst: Myanmar Kyat $1 in 2010 = $0.004 (spot) today.

* (For comparison: US equities $1 in 2010 = $3.46 today)

— Carl Quintanilla (@carlquintanilla) 13 dicembre, 2019

Come spiegato da Quintanilla, 1 $ investito in Bitcoin nel 2010 varrebbe oggi 90026 $, mentre se lo stesso dollaro fosse stato investito nel Kart, la valuta FIAT del Myanmar (ovvero la valuta dalla performance peggiore) nel 2020 varrebbe oggi 0,004 $.

Se invece lo stesso dollaro fosse stato investito in equity statunitensi, data la media delle performance del mercato, oggi avremmo ritirato 3,46 $.

Una decade fantastica per Bitcoin

Senza dubbio la classifica condivisa dal presentatore della CNBC dà una rappresentazione plastica del lungo percorso fatto da Bitcoin nei suoi primi dieci anni di vita. Da valuta di internet conosciuta solo da geek, esso è diventato in breve tempo un veicolo d’investimento a tutti gli effetti, attirando anche l’attenzione di investitori istituzionali.

Benchè le performance passate non garantiscano aumenti futuri, lo status di asset migliore degli ultimi dieci anni può sicuramente consigliare di non escludere ottime performance anche nei dieci anni che verranno.

In particolare grazie all’esposizione mediatica attuale, alla sempre maggiore penetrazione nel mainstream, alle incertezze del sistema economico tradizionale ed agli sforzi nella regolamentazione dell’industria crypto, Bitcoin potrebbe affrontare la prossima decade con ancor più benzina nel serbatoio rispetto a quella passata.

Dove arriverà solo i posteri potranno dire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *