News

Bitcoin supera quota 600$

Da fine maggio Bitcoin è entrato in una fase di rally, con valori che non si vedevano dal 2014.

La crescita di bitcoin nell'ultimo mese (+42.48%). fonte: bitcoinity.org
La crescita di bitcoin nell’ultimo mese (+42.48%). fonte: bitcoinity.org

Il valore di bitcoin non è forse l’aspetto più interessante dell’invenzione di Satoshi Nakamoto, ma è inutile nascondersi che sia quello che fa più notizia. Nonostante le continue dichiarazioni di morte che negli anni i detrattori gli hanno cucito addosso, Bitcoin prosegue il suo percorso di maturazione, continuando ad abbattere record.

Il market cap della crittovaluta, ormai attorno ai 10 miliardi di dollari, ha superato quello di aziende come Western Union o Twitter. Benchè la comparazione sia scorretta, è significativo che una cosa nata cinque anni fa, priva di valore e senza alcun tipo di pubblicità, oggi valga quanto una multinazionale.

Alla base del rally varie spiegazioni, come sempre più ipotetiche che reali. Secondo alcuni la causa sarebbero i timori di svalutazione dello yuan, che avrebbero spinto molti Cinesi ad acquistare bitcoin prima che la Cina istituisca più stringenti controlli sulla fuga di capitali. Secondo altri il motivo è l’avvicinarsi del cosiddetto “halvening”, ovvero del momento in cui verrà dimezzata la ricompensa per il miner che “risolve” un blocco, passando da 25 a 12,5 bitcoin. La successiva scarsità di bitcoin, più percepita che reale, potrebbe aver spinto molti ad accaparrarseli in anticipo. Ad ogni modo potrebbe anche trattarsi della classica profezia che si autoavvera: per diversi motivi in molti pensano che il valore salirà e comprano bitcoin, alimentando la bolla.

E’ inutile nascondersi infatti che si tratta di un’ulteriore bolla speculativa e assolutamente non di una crescita organica. I motivi che spingono il rally sono certamente di natura speculativa a questo punto, e non ci sono garanzie sul se e il quando questo movimento ascendente terminerà, portando probabilmente a correzioni o addirittura ad un crollo. Negli anni tuttavia il valore di bitcoin è tendenzialmente aumentato, con il valore post-bolla di molto superiore a quello pre-bolla.

Sia chiaro che giocare con Bitcoin è di diversi ordini di grandezza più rischioso che giocare in borsa. Una cosa da considerare, se si vuole rischiare la sorte investendo nella crittovaluta. Domani potrebbe valere zero e non c’è banca a cui chiedere un rimborso.

It’s Bitcoin, baby, e non è certo un mondo per deboli di cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *